Marketing in Pigiama: Gaia Passamonti, Corporate Storyteller

by Mag 13, 2020comunicazione video

Siamo entrati nella tanto attesa Fase 2. Cosa è cambiato nel modo di comunicare dei brand? Nella tredicesima puntata di Marketing in Pigiama parliamo un po’ con Gaia Passamonti, umanista, migrante digitale, corporate storytelling strategist. Ormai abbiamo capito che la relazione è stato il modello vincente di comunicazione durante il Lockdown perché ha risposto al bisogno primario degli utenti di sentirsi considerati e più vicini ai brand. Ma in realtà anche in questa Fase 2 la relazione e la voglia di stare insieme, si conferma come esigenze degli utenti. Siamo stati sommersi dai commercial e siamo anche un pò stanchi di spot tutti uguali: quello che manca è il messaggio, un contenuto che ancora non è molto chiaro e che è tutto da inventare. Saremo noi a costruire il futuro in base a quali saranno i bisogni degli utenti e ciò che aiuterà, insieme alla lettura dei dati, è il pensiero umanista che può portare a scelte diverse, creative e consapevoli. Insomma meno numeri e più storie autentiche. Guardatevi l’intervista! Prossimo appuntamento venerdì 15 maggio con Simone Ciaruffoli.
Autore
Articoli recenti
Video Hero, Hub o Help?

Video Hero, Hub o Help?

Per Google la miglior strategia video è una piramide fatta di video Hero, Hub e Help. Che cosa sono? Ve lo spiego analizzando la strategia di Volvo Trucks, oggi e ieri.

Contattaci