Comunicazione Video Aziendale

by Ago 5, 2020comunicazione video

Se siete qui è perché vi state chiedendo se non sia l’ora di rinnovare quel vostro bel video aziendale. Quello con le foto in movimento, quello che si apre (e si chiude) con il mezzo busto del vostro CEO che parla. Dai sì, quello lungo 8 minuti che avete mostrato alla convention di fine anno del 2016 e poi avete piazzato laggiù sul sito, in fondo (ma proprio in fondo) al CHI SIAMO

Confused Wile E Coyote GIF by Looney Tunes - Find & Share on GIPHY

Se siete qui per tutti questi motivi siete nel luogo giusto e vi dirò perché: qui nessuno pensa che il Video Aziendale sia una tappa imprescindibile del vostro processo comunicativo. 

Sorpresi eh?

La comunicazione video deve avere un suo scopo, un suo obiettivo specifico. Anche la comunicazione video aziendale, che invece, povera, negli anni non ne ha mai avuto davvero uno. 

Quindi per partire bene insieme serve una premessa: se non avete tempo, testa e budget per fare un video aziendale che abbia uno scopo, che generi valore nel tempo (e non solo faccia contenta quella parte vanitosa insita in ognuno di noi) allora fermatevi qui.

Ci sono talmente tante cose da fare oggi in digital marketing che sono sicuro troverete tanti altri spunti su cui concentrarvi. 

Se invece pensate che al vostro funnel manchi qualcosa. Se sentite che manca una parte di racconto su di voi. Se infine pensate di avere una bella storia da raccontare, una storia che possa riassumere il vostro modo di fare le cose e perché no, il vostro modo di vedere il mondo, allora possiamo andare avanti mano nella mano. 

La comunicazione video aziendale oggi deve evolvere e diventare, come la maggior parte della comunicazione video, intrattenimento. Devo diventare Show!

Per chiedere ad un utente di dedicare 2 dei suoi preziosissimi minuti alla visione del vostro video aziendale, dovete essere sicuri di potergli proporre qualcosa che vi faccia guadagnare punti.

L’errore più grande che potete fare è pensare che l’utente sia talmente interessato ai vostri prodotti da potergli raccontare solo quello che voi volete dire, mentre la vera sfida è raccontare i vostri asset nel modo più adatto ad acchiappare l’interesse del pubblico. 

Il modo in cui racconterete la vostra storia diventerà una parte importante di quella storia.

La noia è il vostro nemico. La risata, la commozione, l’empatia del vostro utente il vostro goal finale. 

Oggi quando compriamo, non compriamo solo un prodotto, ma tutto il pacchetto che il brand rappresenta (sì anche quando comprate le pile stilo su amazon perché costano meno, anche lì lo fate per tanti motivi che stanno intorno al prodotto, velocità, affidabilità, politiche di reso).

Ve lo ricordate?

Beh io quando compro pile ormai no

Christmas Tree GIF by Duracell Bunny - Find & Share on GIPHY

Per questo la vostra comunicazione video aziendale deve essere pensata per raccontare la vostra visione e per far avvicinare tutti quegli utenti che da quei valori sono attratti.

Non stiamo parlando di pourpose driven, ma di valori più materiali tipo 

“Abbiamo tre grandi idee in Amazon alle quali siamo fedeli per 18 anni, e sono la ragione per cui abbiamo successo: mettere il cliente al primo posto, inventare ed essere pazienti” 

JB

Quindi come avrete capito non stiamo parlando per forza di un singolo output da piazzare nell’About. Quello è un ottimo inizio, ma non è lì che si conclude il vostro viaggio.

La comunicazione video aziendale da quel momento dovrà sempre essere in linea con i valori che volete raccontare. 

Lasciamo un attimo da parte i commercial. Quelli possono vivere da soli. Certo, devono rispettare l’immagine coordinata del brand e il suo tone of Voice, ma sono creatività pura, sono una tela bianca, non si possono pre-codificare.

Se invece pensiamo ad altri tipi di output allora ci accorgiamo che la comunicazione video aziendale può essere mille diversi format, ma tutti con un obiettivo strategico comune. 

Prendiamo come esempio Uber Eat (che tra l’altro è sulla graticola da noi in Italia e proprio per questo deve sempre provare a comunicare un’idea diversa del suo essere azienda malvagia e un tantinello aggressiva)

In questo gustosissimo storytelling, il brand racconta un pezzettino del suo business. Il tone of voice è allegro, positivo. Uber Eat si racconta come un’opportunità per tutti, cliente e driver, un ponte tra due diversi bisogni. 

Questa è comunicazione video aziendale fatta bene (non apriamo qui una discussione sul brand please, restiamo sul tema comunicazione)

Si può raccontare la propria storia senza annoiare. Sempre che prima si sia deciso che la nostra storia è importante per i nostri utenti per sentirci più vicini a loro. 

In questo caso quei geniacci di Organic Valley sanno benissimo che la maggior parte del suo pubblico partecipa degli stessi valori che stanno alla base della storia del Brand e quindi decide di raccontarli, con un video aziendale divertente, che non annoia mai e che alla fine, prova pure a piazzare una bella CTA di acquisto

Spark New Zealand Limited, è una società di telecomunicazioni della Nuova Zelanda che fornisce servizi di telefonia fissa, una rete mobile, un fornitore di servizi Internet e un importante fornitore di TIC per le imprese neozelandesi. Tutto questa freddezza è raccontata nel video nel modo più dolce e elegante che possiate immaginare.

Un ottimo esempio di corporate che evolve in commercial .

Questa perla della Clif & Bar Company ci proietta in un mondo immaginifico in cui le location e il copy sono piegate per il racconto di marca. Il rispetto dell’ambiente è raccontato con situazioni surreali e un protagonista sopra le righe che alla fine diventerà esso stesso logo.

Uno dei passaggi di copy più forti è quando il protagonista fa leva sul senso di colpa insito in ognuno di noi (beh, se siete progressisti, ambientalisti e simili. Su Trump per esempio questo video credo avrebbe poco appeal) e dice chiaramente che forse, se non tieni a tutte le cose che sono state dette fino a lì, quella non è la barretta che fa per te. 

Addio, tu sporco cattivone che non ti curi dell’ambiente

Quando Sorgenia ci ha chiamati per raccontare con una serie di storytelling video la loro visione green del mondo, a noi è scesa una lacrimuccia di felicità. Esatto questo lo abbiamo fatto noi, quindi su i pollici. 

Con questa serie di 6 storytelling il Brand ha portato gli utenti in giro per l’Italia raccontando le storie di altrettante giovani startup tecnologiche che condividevano gli stessi valori del marchio. 

Un esempio di comunicazione video aziendale che diventa generatore di mille diverse contenuti. I video storytelling popolano i social e una pagina dedicata del sito del cliente, i mini output con quotes degli intervistati sono usati come adv social o stories instagram.

Eccoci arrivati alla fine del viaggio.

Di questo, piccolo, breve, viaggio. Adesso tocca a voi

Buona comunicazione video aziendale!

Mi raccomando, fate applaudire il vostro pubblico <3

Autore
Articoli recenti
La comunicazione video con e su Zoom

La comunicazione video con e su Zoom

Agli inizi del 2020 se parlavi di comunicazione video su Zoom o addirittura di produzione video su Zoom non molti ti avrebbero capito, io no almeno. Ti avrebbe chiesto, che cosa è Zoom? Quindi meglio partire da qui, da wikipedia come sempre. CHE COSA E' ZOOM? Zoom...

Contattaci